Durante lo scorso week-end, in occasione del festival bolognese “Terra Equa”, Altrocioccolato (la manifestazione umbra dedicata al commercio equo e solidale) ha lanciato la campagna “Bocche sporche, coscienze pulite”. Si tratta di un movimento positivo, che vuole “provocare” dicendo a tutti: “sporcati la bocca e fatti una fotografia. Ma fallo con la testa!”

Perchè Altrocioccolato, si sa, è schierato dalla parte dei produttori del sud del mondo, delle realtà  socio-economiche che sviluppano progetti alternativi di produzione. Contro ogni logica delle multinazionali, delle quali denuncia soprattutto lo sfruttamento dei lavoratori, Altrocioccolato è dalla parte del cacao, sì, ma di quello Equo e Solidale, che non calpesta la dignità  dei piccoli produttori e coltivatori. Di un cioccolato che sporca i visi ma tiene pulite le coscienze. Tante foto, dunque, con le bocche piene di crema spalmabile (no, non di Nutella) ma che sorridono, come a voler dire alle multinazionali che il cioccolato è più buono, se non calpesta nessuno.

L’iniziativa vuole raccogliere più foto e più facce possibili e si concluderà in concomitanza con la prossima edizione di Altrocioccolato, in scena dal 14 al 16 ottobre a Città di Castello (Pg). E per chiunque volesse partecipare, basta scattare un selfie e inviarlo all’indirizzo world@altrocioccolato.it.

( Giovanna Camposeo – Ufficio Stampa Altrocioccolato )

© 2016 Umbria Equosolidale / P.IVA 02831410549
Follow us: